Tendine di Achille: perché si infiamma e come curarlo

da Redazione Iunoy,

TENDINE DI ACHILLE: INTRODUZIONE

Il tendine di Achille o tendine calcaneale, collega il polpaccio al calacagno ed origina dai due muscoli lungo la parte posteriore della gamba (muscoli gemelli e dal soleo) e si inserisce sull’osso calcaneale.

Come tutti i tendini, è costituito dal fibre elastiche (fibre di collagene) e da foglietti di rivestimento connettivali che prendono il nome di epitenonio, peritenonio ed endotenonio. 

Tendine di Achille - tendinite

Il tendine d’Achille è il tendine del corpo umano più forte, più grande, ma allo stesso tempo é anche quello più sollecitato a forze e traumi, tant’è che é il tendine che più spesso si rompe.

Dato che collega i muscoli del polpaccio al calcagno, il tendine di Achille viene utilizzato quando si cammina, si corre e si salta.

In una condizione normale, il tendine di Achille si presenta con i tessuti integri e resistenti.

Diversamente, quando il tendine inizia ad infiammarsi  si parla di tendinite. Nel caso della tendinite, si presentano dei microstrappi all’interno del tessuto.

Ci sono due tipi di tendinite dell’Achille, definiti in base alla parte del tendine infiammata:

  • Tendinite non inserzionale dell’Achille
  • Tendinite Inserzionale dell’Achille

Quando l’infiammazione – tendinite – diventa più grave e si avvia un processo degenerativo di una o più delle strutture tendinee, si parla di tendinosi.

PROBLEMI AL TENDINE DI ACHILLE: CAUSE E SINTOMI

Le problematiche al tendine di Achille interessano soprattutto la popolazione di sesso maschile in età compresa tra 30 e i 40 anni.

L’infiammazione è la risposta naturale del corpo ad un infortunio o ad una malattia, e spesso provoca gonfiore, dolore, o irritazione.

Elemento di aggravio é che spesso non si ha alcuna indicazione o presentimento che il tendine sia debole o predisposto all’infortunio.

Tendinite

La tendinite dell’Achille in genere non è legata ad un trauma specifico quanto piuttosto a stress ripetitivi a carico del tendine.

Tra le principali cause della tendinite troviamo:

  • aumento della quantità o dell’intensità dell’attività fisica
  • muscoli del polpaccio contratti
  • formazione di speroni ossei nella zona dove il tendine di Achille;
  • malattia di Haglund (malattia del calcagno che si struttura durante la fase della crescita)
Leggi anche:   Alluce rigido: ecco di cosa si tratta

Studi recenti hanno comunque evidenziato come esistano fattori di rischio quali:

  • Età
  • Artrite reumatoide e lupus
  • Diabete
  • Gotta

I sintomi più comuni della tendinite variano a seconda del livello dell’infiammazione e quindi se si tratta di una tendinite o di una tendinosi.

In genere, tale infiammazione a carico del tendine di Achille si presenta sotto forma di dolore più o meno intenso localizzato nella zona del calcagno.

Tra i più comuni sintomi si segnalano:

  • dolore lungo il tendine d’Achille
  • dolore alla pressione del tendine
  • dolore spontaneo, specie da sforzo
  • ispessimento del tendine
  • presenza di edema sottocutaneo

dolore piede

PROBLEMI AL TENDINE DI ACHILLE: DIAGNOSI E CURA

La tempestività dell’intervento, specie in termini di diagnosi é un elemento essenziale.

Pertanto, risulta quasi sempre necessario il ricorso a delle analisi radiografiche o risonanza magnetica al fine di individuare il tipo ed il livello di problematica del tendine di Achille.

In genere gli interventi alle problematiche al tendine di Achille si suddividono in: trattamento non chirurgico; trattamento chirurgico.

1. Trattamento non chirurgico

Si considerano quasi sempre come prima istanza –  a meno che non si sia in presenza di rottura del tendine – il trattamento non chirurgico anche al fine di poter fare una seconda valutazione specialistica.

Il trattamento non chirurgico prevede:

  • Riposo
  • Ghiaccio
  • Scarpe di sostegno e plantari
  • Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS)
  • Fisioterapia
  • Infiltrazioni di cortisone
  • Tutori

2. Trattamento chirurgico

La chirurgia dovrebbe essere considerata per guarire una tendinite d’Achille solo se il dolore non migliora dopo 6 mesi di trattamento non chirurgico.

Il  tipo di chirurgia dipende dalla posizione della tendinite e dalla quantità di danno al tendine.

  • Allungamento del Gastrocnemio
  • Debridement e riparazione
  • Debridement con trasferimento del tendine
  • Asportazione dell’apofisi calcaneare negli esiti di Haglund

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend