Tecarterapia: ecco tutti i suoi benefici

da Redazione Iunoy,

In molti già la conoscono, forse meno hanno avuto modo di curarsi con la Tecarterapia e ne conoscono i reali benefici. Per questo, approfondiamo l’argomento nell’articolo che segue.

TECARTERAPIA: INTRODUZIONE

Si dice che la Tecar sia la nuova frontiera della fisioterapia, applicata non solo al mondo dello sport, ma ormai anche a quello del benessere. È un approccio rivoluzionario alle patologie traumatologiche non chirurgiche, alle patologie osteoarticolari e ai tessuti molli.

Purtroppo, non sempre e non ancora, è accessibile nei centri di fisioterapia tradizionali dato l’elevato costo dei macchinari. Ad ogni modo, sono in aumento gli studi privati, gli ospedali e le squadre sportive che utilizzano questa terapia.

Tecar  garantisce tempi ridotti di trattamento e risultati immediati e stabili, perché è basata sulla stimolazione e il rafforzamento delle capacità riparative dei tessuti.

tecarterapia-salute-benessere-fisioterapia-3

TECARTERAPIA: (COME) FUNZIONA

La Tecarterapia (Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo, Tecar® e Tecarterapia® ) stimola l’energia che risiede all’interno dei nostri tessuti biologici, mettendo in moto i naturali processi riparativi e antinfiammatori del nostro corpo.

In sostanza, l’idea alla base della Tecarterapia parte dal presupposto che ogni patologia a carico delle nostra ossa e articolazioni, nonché tessuti molli, ha l’effetto di rallentare e modificare i processi biologici che sono alla base della riparazione del danno subito.

La Tecarterapia fa si che tali processi tornino a funzionare in maniera normale, permettendo al nostro corpo di agire in maniera naturale rispetto alla patologia in corso. Lo fa trasferendo un’energia definita biocompatibile ai tessuti lesi, inducendo le cosiddette correnti di spostamento.

Così facendo, ripristina la fisiologia tissutale attraverso l’ipertermia profonda (aumento della temperatura interna del corpo) e l’innalzamento del potenziale energetico nelle cellule dei tessuti trattati.

tecarterapia-salute-benessere-fisioterapia-2

La grande differenza rispetto ad altre terapie che trasferiscono energia al nostro corpo consiste nella natura di questa energia. La Tecarapia, infatti, non immette energia dall’esterno, ma richiama (e utilizza) le cariche elettriche del nostro corpo.

È comprensibile come un terapia di questo tipo sia assolutamente rivoluzionaria, trattando il nostro corpo nella maniera più naturale possibile ed evitando terapie aggressive.

È bene sapere che questo metodo è protetto da un brevetto internazionale, riconosciuto a livello mondiale. In molti definiscono Tecar le soluzioni che offrono che, seppur hanno alcune analogie, non sono conformi al modello originale.

Sono tre le cosiddette azioni chiave del sistema Tecarterapia:

  1. Stimolazione della microcircolazione
  2. Aumento della vasodilatazione
  3. Aumento della temperatura endogena

Il vantaggio della Tecarterapia rispetto ad altre terapie energetiche è che, poiché l’energia proviene dall’interno, è possibile interessare anche strati profondi, non trattabili con trasferimenti esterni di energia per i danni alla cute causati dalle energie emesse.

TECARTERAPIA: QUALI PATOLOGIE PUÒ CURARE

Innanzitutto, vediamo quali sono le parti del corpo alle quali può essere applicata:

  • colonna vertebrale
  • ginocchio
  • spalle
  • anca
  • mani
  • caviglie

Quanto alle patologie:

  • Lombalgia e lombosciatalgia
  • Cervicalgia
  • Cervicobrachialgia
  • Metatarsalgia
  • Fascite plantare
  • Spina calcaneare
  • Pubalgia
  • Tendinite dell’Achilleo
  • Tendinite del rotuleo
  • Epicondilite ed epitrocleite
  • Sindrome del tunnel carpale
  • Sindrome da conflitto sub-acrominale
  • Lesioni traumatiche acute e postumi da fratture
  • Patologie dolorose infiammatorie, osteoarticolari e muscolari
  • In medicina estetica (es. cellulite)

La Tecarterapia è ritenuta di estrema utilità nei programmi riabilitativi post-chirurgici (es. ricostruzione dei legamenti crociati del ginocchio), soprattutto nel caso di interventi di artroprotesi coxo-femorale.

Vanno prese precauzioni per i soggetti che sono insensibili alla temperatura, donne in gravidanza o portatori di pacemaker.

tecarterapia-salute-benessere-fisioterapia-4

TECARTERAPIA: TRATTAMENTO

Il trattamento con la Tecarterapia viene eseguito manualmente, praticamente come si fa per un massaggio. Non servono strumenti di misurazione elettronici poiché si tratta di una terapia fisica naturale.

Infatti, la tecnologia alla base del funzionamento della Tecarterapia trasforma il messaggio manuale effettuato dall’operatore, rendendolo più profondo e altamente stimolante grazie all’intensa riattivazione del microcircolo linfatico e sanguigno.

La Tecarterapia esegue 3 azioni fondamentali:

  • In prima istanza, un’immediata ed efficace azione azione analgesica prodotta dalla stimolazione delle terminazioni nervose
  • Drena i tessuti
  • Stimola in modo funzionale il circolo periferico attraverso l’incremento della temperatura endogena (cioé interna)

In concomitanza con la terapia farmacologia prescritta dallo specialista, che ha lo scopo di disinfiammare, ne potenzia l’efficacia riducendo in tempi rapidi il dolore e l’edema.

Quanto al numero di sedute, queste variano in base alla consistenza della patologia.

La Tecarterapia non presenta importanti controindicazioni né effetti collaterali, e questo consente di applicarla in tempi molto ravvicinati al trauma, ripetendola anche più volte al giorno.

Inoltre, può essere associata ad altre terapie come, per esempio, la terapia manuale.

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend