Sindrome del tunnel tarsale: di cosa si tratta?

da Redazione Iunoy,

Quando si parla di  sindrome del tunnel tarsale ci si riferisce ad una neuropatia (patologia che attacca il sistema nervoso periferico) che interessa il piede.

Più nel dettaglio, la sindrome del tunnel carpale riguarda la compressione del nervo tibiale posteriore all’ interno di un canale osteofibroso denominato tunnel tarsale. A causa della compressione del nervo, gli impulsi nervosi si distribuiscono su tutto il suo territorio di innervazione provocando poi quelle sensazioni di dolore o fastidio.

La sindrome del tunnel tarsale tende a manifestarsi a seguito di una lesione che può riguardare il nervo tibiale o l’area del tunnel tarsale e si presenta sotto forma di sensazione di bruciore nella zona interessata.

La sindrome del tunnel tarsale è simile alla più conosciuta sindrome del tunnel carpale che interessa le mani e i polsi.

 

tunnel tarsale

 

Ecco le cause della sindrome del tunnel tarsale

In generale questa sindrome e’ la conseguenza di una lesione  che interessa direttamente le zone circostanti il tunnel tarsale. Le principali cause sono riferibili a:

  • Cisti tendinee;
  • Lipoma all’interno del tunnel tarsale;
  • Frattura che comprime il nervo tibiale;
  • Varici o “vene varicose”

 

Quali sono i sintomi?

 

alluce-rigido-piede-salute-iunoy

 

I sintomi dell tunnel tarsale sono molto vari e dipendono anche dallo stadio e dal livello della neuropatia.

In generale i principali sintomi  che si riscontrano sono:

  •  Dolore e bruciore nella pianta del piede 
  •  Desestesie:
  •  Parestesie: la sensibilità degli arti è alterata e sono interessati da formicolii;

E’ probabile che con il tempo il dolore aumenti, ed in casi estremi esso può diventare anche invalidante.

Il dolore all’inizio si presenta con destesie (dolori pungenti, sensazione di freddo o di eccessivo calore) localizzate sotto la pianta del piede.  Successivamente le zone interessate si estendono e vengono interessate aree più ampie del piede: dal tallone alla fascia del piede.

Leggi anche:   Duroni alla pianta del piede: 7 consigli utili per eliminarli!

La sintomatologia con cui su presente e le zone interessate fanno si che spesso la sindrome del tunnel tarsale venga confusa con altre patologie  (condizionandone fortemente la cura)quali:

Quali sono le cure della sindrome del tunnel tarsale?

Così come altre patologie anche la sindrome del tunnel tarsale va curata dopo aver effettuato delle radiografie ed aver consultato un medico specializzato. Inoltre poiché i suoi sintomi sono molto simili a quelli di una fascite plantare o a di una tallonite, può risultare importante approfondire l’analisi con una RMN e/o un esame elettromiografico. 

I trattamenti da adottare variano a seconda delle cause di compressione e sono, prevalentemente, di due tipologia

  • trattamento medico
  • trattamento chirurgico

Per quanto sia una valutazione del medico specialistico, solitamente l’intervento chirurgico – ad eccezione di casi inabilitanti – segue quello medico.

L’intervento con cura medica si base principalmente su:

  •  Riposo del piede
  • Ginnastica posturale finalizzata a correggere sia gli scompensi provocati dal dolore e sia dalla postura errata;
  • Assunzione di anti-infiammatori;
  •  Utilizzo di bendaggi per bloccare il piede e ridurre le sollecitazioni;
  • Fisioterapia;
  •  Infiltrazioni di steroidi

All’insuccesso del trattamento medico occorre intervenire chirurgicamente in modo da decomprimere il nervo e quindi liberarlo.

 

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend