Sciatica o sciatalgia: cause e rimedi

da Redazione Iunoy,

La sciatica o sciatalgia è una condizione medica che si manifesta con dolori piu’ o meno intensi lungo la zona lombare della schiena, il gluteo, la coscia, la gamba e il piede nelle aree attraversate dal nervo sciatico.

Di fatto la “sciatica” non è una patologia in sé, ma identifica una serie di disturbi e sintomi relazionati all’infiammazione del nervo sciatico. Il nome più corretto per definire questa condizione è  sciatalgia o ischialgia.

Nervo sciatico

Il nervo sciatico o nervo ischiatico è il nervo più lungo e voluminoso del nostro corpo; parte gli ultimi due nervi spinali lombari (L4 ed L5) e sciatica sciatalgia

dei primi tre nervi spinali sacrali (S1, S2 ed S3) e raggiunge i i muscoli posteriori della coscia, i muscoli della gamba e superato il ginochio si dirama in varie branche.

Grazie alle sue diramazioni, il nervo sciatico e’ responsabile della mobilita’ e sensibilita’ degli arti inferiori.

Questo lo rende una parte di vitale importanza del nostro corpo in quanto, un suo danno pregiudicherebbe la nostra capacita’ di deambulare.

Sintomi della sciatica

Il tipico sintomo della sciatica si manifesta come un forte dolore nella zona lombare e si estende poi ai glutei, dietro la gamba provocando disturbi fino a raggiungere il piede in alcuni casi.

L’intensità del dolore varia a seconda della causa scatenante e può essere bruciante, acuto, penetrante o inarrestabile oppure ad intermittenza.  In alcuni casi e’ limitato ad una sola zona e si intensifica durante uno sternuto o un colpo di tosse o quando si sta seduti o in occasione di movimenti improvvisi.    

A seconda della localizzazione del dolore si identificano:

  • sciatica monolaterale, che colpisce un solo fianco
  • sciatica bilaterale, che riguarda i due fianchi.

Altri disturbi relativi alla sciatica possono essere :

  • torpore
  • parestesie
  • formicolio (specialmente alle dita del piede o in parte di esso)
  • difficoltà nel controllo del movimenti della gamba
  • debolezza muscolare
Leggi anche:   Contratture muscolari alla schiena: cause e rimedi

Postura

Chi presenta problemi di sciatalgia tende ad assumere posture che permettano di sentire meno il dolore ma che possono pregiudicare altre parti sciatica sciatalgia

del corpo. Ad esempio quando si cammina, si tende ad appoggiare il peso sulla gamba che non presenta dolore, piegando l’altra e assumendo un’andatura claudicante.

Nello stare seduti si tende ad appoggiare il peso sul gluteo non colpito dalla sciatalgia, causando nel lungo periodo l’irrigidimento asimmetrico della colonna vertebrale e un possibile aumento dei sintomi anche in altre zone del corpo.

Queste posture erronee potrebbero causare atrofia ai muscoli delle gambe e della schiena inutilizzati e pregiudicare cosi la corretta guarigione.

Come in tutte le patologie anche la sciatalgia può essere  influenzata da situazioni emotive come stress, ansia e tensioni della vita quotidiana che senza dubbio ne aumentano l’intensità o rallentano il processo di guarigione.

Cause della Sciatica

La causa più comune della sciatalgia è la compressione e quindi infiammazione del nervo sciatico ovvero di uno o più nervi spinali che lo costituiscono. I fattori che causano questa compressione `possono essere numerosi, tra cui:

  • Un ernia del disco spinale rappresenta la causa principale dell’infiammazione del Nervo sciatico.
  • Una discopatia degenerativa, ovvero un’alterazione del disco intravertebrale localizzato tra il tratto lombare e quello sacrale della colonna vertebrale;
  • Una stenosi vertebrale localizzata tra il tratto lombare e quello sacrale della colonna vertebrale, ovvero il restringimento di una porzione del canale vertebrale ( o canale spinale)
  • Una stenosi foraminale localizzata tra il tratto lombare e quello sacrale della colonna vertebrale. La stenosi foraminale consiste nel restringimento dei piccoli canali attraverso cui scorrono le radici dei nervi spinali.
  • Una  spondilolistesi, con sede tra il tratto lombare e quello sacrale della colonna vertebrale. Si tratta di una  patologia della colonna vertebrale, caratterizzata dallo scivolamento di una vertebra sull’altra
  • La sindrome del piriforme. Il muscolo piriforme è uno dei muscoli esterni dell’anca a forma di trapezio ed  unisce la superficie interna dell’osso sacro al femore. Quando a seguito di una contrattura questo muscolo comprime il nervo sciatico, scatena una serie di sintomi che vengono chiamati sindrome del piriforme.
  • In donne in gravidanza in fase avanzata può succedere che l’utero raggiunga dimensioni tali per cui potrebbe premere sui nervi spinali costituenti il nervo sciatico e causare dolori tipi di della sciatalgia.
  • Un’altra situazione che potrebbe portare all’infiammazione del nervo sciatico è una recisione dello stesso effettuata involontariamente dai chirurgi durante un‘operazione
  • Anche eventuali fratture scomposte delle ossa della gamba o a livello pelvico potrebbero avere riflessioni sul nervo sciatico.
  • Alcune forme di cancro e diabete possono anche danneggiare il nervo sciatico.

Diagnosi della sciatica

In molti casi i dolori causati dalla sciatica sono lievi e tendono a scomparire da soli. Nei casi in cui i dolori tendono a prolungarsi nel tempo allora èsciatica sciatalgia

necessario consultare un medico specialista.

Esistono casi gravi invece in cui è assolutamente indispensabile recarsi al pronto soccorso e sono:

  • Quando il dolore è forte e acuto e compare in modo improvviso
  • Se il dolore sciatico segue un incidente o una caduta
  • Quando i sintomi della sciatalgia sono accompagnati da incontinenza fecale o urinaria

In generale e’ fondamentale effettuare una corretta diagnosi sulla natura dell’agente che provoca l’irritazione del nervo per poter prescrivere la corretta cura.

I trattamenti possono infatti variare da persona a persona in risposta alla causa che l’ha provocata e alle condizioni psicofisiche pre- esistenti nella persona stessa.

Visita medica

Il medico decidera’ che tipo di strumentazione utilizzare per la diagnosi a seconda della sintomatologia descritta dal paziente e da alcuni test specifici effettuati durante la visita.

Gli strumenti diagnostici piu’ avanzati sono:

  1. radiografia spinale con o senza mezzo di contrasto
  2. risonanza magnetica nucleare (RMN)
  3. tomografia assiale computerizzata (TAC)
  4. mielografia
  5. elettromiografia
  6. neurografia;
  7. alcuni rari casi viene chiesto di eseguire esami ematici come VES e della proteina C reattiva.

Cura della sciatica e terapie mediche 

Sebbene il medico prescriva antinfiammatori, antidolorifici o narcotici e’ sempre bene fare attenzione a non abusarne affinché non si debba poi incorrere a problemi al fegato e stomaco.

Si consideri anche il problema dell’assuefazione ad un medicamento che può perdere la sua efficacia con l’utilizzo prolungato. Vorremmo invece suggerire terapie naturali alternative da considerare sempre dietro supervisione medica, quali:

  • Riabilitazione e allenamento funzionale,  fondamentali per poter riabilitare il proprio corpo a tutti i movimenti che si potevano fare prima della sciatica nonché’ ad una postura corretta, rafforzando la muscolatura della schiena
  • Ghiaccio. Un rimedio molto semplice per alleviare l’infiammazione e il dolore è l’applicazione di ghiaccio (avvolto bene in un panno e mai a contatto diretto con la pelle) per le prime 48-72 ore per poi passare di seguito al calore.
  • PosturaControllare la postura è molto importante. Stare con la schiena eretta e ben appoggiata allo schienale con talloni a contatto con il terreno e le ginocchia più alte delle anche
  • A letto è consigliabile assumere una posizione prona o, meglio, fetale (di lato) e utilizzare un materasso rigido
  • Invece di riposo completo a letto, è consigliabile continuare una leggera attività fisica per mantenere i muscoli in movimento e prevenire un’eventuale atrofia.
  • Evitare movimenti bruschi e pesi eccessivi.
  • RIFLESSOLOGIA PLANTARE, se fatta da un esperto professionista può aiutare a risolvere il problema in quanto agisce direttamente sulla causa e sul sintomo principale senza toccare il nervo o la schiena.
  • Osteopatia
  • Chiropratica

Riabilitazione

Dopo aver terminato la cura ed eliminato le cause della sciatalgia è importante continuare con un programma di riabilitazione per evitare ricadute. Si consigliano per tanto le seguenti terapie

1) Esercizi addominali e della schiena per rafforzare i muscoli della fascia pelvica.

2) allenamento della  respirazione

3) core stability e flessibilita’ attraverso specifici esercizi di yoga e stretching.

 

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend