Spezie: proprietà e benefici delle 10 spezie più utilizzate in cucina

Dieta da Redazione Iunoy,

Le spezie sono sostanze aromatiche di origine vegetale provenienti soprattutto da paesi esotici, usate per insaporire cibi e bevande.

Si caratterizzano per il fatto di essere essiccate, a differenza delle erbe aromatiche, che invece sono verdi e sono generalmente coltivate negli orti ma presenti anche allo stato selvatico, oppure sono foglie fresche di piante usate per dare sapore agli alimenti.

Le spezie si prestano a molteplici usi e vengono utilizzate in diversi ambiti:

  • nella preservazione del cibo
  • in rituali religiosi
  • nell’ambito della cosmesi o profumeria
  • in medicina e in farmacia (specialmente in passato)
  • nella pulizia della casa, come nel caso dell’olio di cannella, utilizzato per pulire stoviglie e pavimenti

Possiedono inoltre molte proprietà benefiche:

  • sono ricche di vitamine e sali minerali
  • aiutano a ridurre la quantità di grassi e sali usati in cucina (pepe nero, curry, cumino, aneto, basilico, zenzero, coriandolo)
  • aiutano a ridurre l’aggiunta di zucchero in cucina (anice, cardamomo, cannella)
  • costituiscono un aiuto naturale alla digestione, all’equilibrio intestinale, alla produzione di flora batterica ed alla formazione di enzimi positivi
  • possiedono proprietà antiossidanti
  • prevengono malattie quali il cancro, il diabete, l’artrite e l’influenza

SPEZIE: ECCO L’ELENCO

Passiamo in rassegna le proprietà e i benefici delle 10 spezie più utilizzate in cucina:

Cumino

Il cumino è una delle spezie più utilizzata nella medicina tradizionale indiana, l’Ayurveda. E’ infatti ricco di ferro, riduce il colesterolo e i livelli di zuccheri nel sangue, viene utilizzato nella cura dell’osteoporosi ed è in grado di stimolare il nostro metabolismo.

I semi di cumino possono essere utilizzati per la preparazione di tisane e di infusi che stimolano la digestione e riducono il gonfiore addominale, oltre che per insaporire svariate pietanze.

Zenzero

Lo zenzero favorisce la digestione e la depurazione dell’organismo e viene usato anche nella preparazione di tisane contro il mal di gola, il raffreddore e l’influenza. E’ inoltre un efficace antidolorifico in caso di artrite.

Oltre che essere una “spezia salutare”, aiuta anche a bruciare grassi: contribuisce infatti a ridurre la cellulite, i gonfiori e i ristagni acquosi.

Curcuma

La curcuma è una spezia di origine orientale che possiede proprietà dimagranti. L’assunzione di curcumina infatti contrasta l’eccessivo accumulo di grassi nei tessuti adiposi.

Recenti studi ne hanno messo in luce inoltre l’utilità nella prevenzione del diabete di tipo 2 e nella protezione dell’organismo dalle infezioni, rafforzando il sistema immunitario.

Presenta inoltre proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e antiossidanti.

Leggi anche:   L'alimentazione corretta può prevenire e curare le infiammazioni

Peperoncino

Il peperoncino favorisce la digestione e la circolazione sanguigna ed aiuta a tenere sotto controllo i livelli degli zuccheri nel sangue.

In particolare, il pepe di Cayenna, è famoso per la sua capacità di tenere sotto controllo il colesterolo e per il suo effetto antidolorifico e antinfiammatorio.

La capsaicina inoltre, sostanza in esso contenuto, lo rende in grado di frenare l’appetito e di accelerare il metabolismo.

Cannella

La cannella regola gli zuccheri nel sangue, riduce i dolori causati dall’artrite, migliora la memoria, ed è un alleato prezioso contro il raffreddore, il mal di gola, la nausea, i virus intestinali e i dolori mestruali.

La cannella è una buona fonte di manganese, ferro e calcio. Contribuisce infine a ridurre la proliferazione delle cellule tumorali.

Noce moscata

La noce moscata viene impiegata in omeopatia in caso di pressione bassa e di reumatismi, in caso di malattie che colpiscono i bronchi, oppure per i problemi di digestione.

Le proprietà benefiche della noce moscata sono garantite dagli oli essenziali in essa contenuti. Non deve essere assunta in quantità eccessive, poiché è considerato un vero e proprio alimento medicinale.

Cardamomo

Il cardamomo può essere impiegato per aromatizzare il caffè oppure per scopi medicinali: è infatti utile in caso di tosse, raffreddore, infiammazione delle vie aeree.

Possiede inoltre proprietà dimagranti: accelera le funzioni metaboliche svolte da parte dell’organismo, stimolando il metabolismo.

I semi di cardamomo possono essere masticati oppure impiegati nella preparazione di tisane digestive.

Zafferano

Lo zafferano è in grado di svolgere un’azione positiva nell’accelerazione del metabolismo e nella promozione delle funzioni digestive, oltre a contenere preziose sostanze antiossidanti.

Può essere utilizzato come ingrediente nel condimento di pasta e risotti, come elemento aggiuntivo nella preparazione di biscotti e come insaporitore per brodi vegetali, zuppe e vellutate.

Aneto

L’aneto è una pianta aromatica in grado di svolgere un’azione diuretica e disintossicante.

I semi vengono utilizzati per la preparazione di infusi che agevolano la digestione e contribuiscono al corretto svolgimento delle funzioni metaboliche da parte dell’organismo.

Coriandolo

Il coriandolo è una pianta con proprietà carminative, e antispasmodiche: è quindi un buon rimedio naturale contro coliche addominali, difficoltà digestive e gonfiore.

E’ un buon tonico per l’attività cerebrale e per il sistema nervoso: il suo effetto stimolante attenua il senso di fatica e combatte l’inappetenza. Ha infine un effetto antibatterico.

[Leggi anche: Alimentazione corretta]

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend