La Medicina Omeopatica: come agisce

da Valeria Cerrato,

La medicina omeopatica ritrova un vestito moderno alla fine del XVIII secolo in Europa grazie al medico tedesco Samuel Hahnemann, da cui appunto la definizione di medicina omeopatica hahnemanniana.

Descrivere il metodo clinico terapeutico di questa medicina significa innanzitutto insegnare un nuovo modo di pensare, un nuovo modo di approcciare la malattia e il malato:è il paziente infatti al centro dell’osservazione del medico omeopata, non la patologia per cui si presenta in visita.

Il principio su cui si basa questa straordinaria medicina è la legge dei simili, secondo cui un individuo va curato con la stessa sostanza che in persone sane, dette sperimentatori, ha prodotto i sintomi più simili possibili a quelli del soggetto malato.

I farmaci omeopatici, definiti rimedi, sono ricavati dai regni minerali, vegetale ed animale, opportunamente preparati sottoponendo la sostanza madre a una serie di successive diluizioni e dinamizzazioni fino ad arrivare alle diluizioni desiderate (CH centesimali, K o korsakoviane ed infine LM o cinquantamillesimali).

L’utilizzo di sostanze estremamente diluite è presto spiegato: se per malattia intendiamo uno squilibrio energetico dell’organismo che solo in secondo piano si manifesta come un’alterazione sul piano fisico, l’Omeopatia Unicista Hahnemanniana si prefigge lo scopo di andare a ristabilire quell’equilibrio perduto somministrando al paziente un principio farmaco terapico, il rimedio appunto, che sia sulla stessa frequenza dell’energia interrotta.

Da ciò si evince quindi la necessità di utilizzare un solo rimedio alla volta, parliamo infatti di Omeopatia Unicista Hahnemanniana, proprio perché ogni rimedio presenta una sua  propria frequenza vibratoria, così come ogni paziente vibra su una sua propria frequenza: ecco che quindi la diagnosi è necessariamente individuale, basata non solo sull’analisi della patologia per cui il paziente si presenta all’osservazione del medico, ma soprattutto sull’analisi del paziente stesso, del suo vissuto, dell’ambiente che lo circonda, delle sue caratteristiche peculiari che lo definiscono in una direzione o nell’altra.

Gli stessi sintomi (una gastrite, una dermatite, e potremmo andare avanti all’infinito) possono presentarsi in pazienti completamente differenti, e poiché quello che devo curare è lo squilibrio energetico primario che ha indotto la comparsa di quei sintomi, non andrò a somministrare rimedi identici per la stessa gastrite, per esempio, ma la curerò curando ciascun paziente con il suo proprio rimedio, quello cioè che ognuno esprime raccontando chi è, non cos’ha!

Il rimedio somministrato, definito Simillimum, è un’informazione di salute che va a stimolare in ciascun paziente il suo sistema endogeno di guarigione, la sua Forza Vitale, per riportare l’organismo in una condizione di equilibrio: nel fare ciò,durante il percorso terapeutico,si potranno vivere delle vere e proprie crisi di guarigione, che il paziente vive come aggravamenti, sintomo del fatto che l’organismo sta rispondendo allo stimolo energetico ricevuto dal rimedio.

Non credo ci sia modo migliore di concludere questo breve ritratto della Medicina Omeopatica se non con un estratto da un dialogo di Platone con l’amico Carmide che ne riassume completamente il senso e lo scopo:

Non dovresti curare gli occhi senza curare la testa o la testa senza curare il corpo.Così anche non dovresti curare il corpo senza curare l’anima.Questo è il motivo per cui la cura di molte malattie è sconosciuta ai medici,perché sono ignoranti nei confronti del Tutto che anch’esso dovrebbe essere studiato,dal momento che una parte specifica del corpo non potrà stare bene a meno che non stia bene con il Tutto.”

Per maggiori informazioni o appuntamento con un medico omeopatico:

Ambulatorio OH Omeopatia Hanhemanniana
Pavia tel 0382559946
Genova tel 331 2333195

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Autore

Nasce a Pavia nel 1987. Si laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Pavia ed orienta i sui studi, con una serie di master e corsi, alla Nutrizione vegetariana e vegana. Nel 1999 l'incontro, da giovanissima, con Claudio Colombo, che la introduce allo studio dell'Omeopatia Unicista Hahnemanniana.Diplomata presso la (non)Scuola OH, fa parte del gruppo OMEOPATIAHAHNEMANNIANA e divide la sua attività tra l'Ambulatorio OH di Pavia e Genova. Contatto: [email protected]
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend