Lombalgia: sintomi, cura, rimedi per il dolore lombare

da Redazione Iunoy,

La lombalgia si manifesta come un dolore intenso alla parte bassa della colonna vertebrale (zona lombare) e in alcuni casi piú gravi si estende anche a glutei e gambe (lombosciatalgia).

Il dolore lombare è uno dei disturbi più frequenti dei nostri tempi che può avere diversi gradi di disabilità e non deve essere sottovalutato. Viene spesso identificato con il mal di reni che si trovano nella regione dolente ma che in realtà non hanno alcuna relazione con il dolore. Si tratta infatti di un dolore prettamente muscolare dovuto ad uno sforzo eccessivo, una contrattura o un movimento repentino

Sintomi della lombalgia acuta e cronica

Esistono due tipi di lombalgia: acuta e cronica. La lombalgia acuta si risolve normalmente in poco tempo senza particolari terapie. Tuttavia è sempre consigliabile consultare un medico che possa determinare le cause e prescrivere il corretto trattamento. I sintomi più comuni  della lombalgia acuta sono:

  • Un dolore intenso e improvviso causato da un movimento brusco o dal sottoporre la schiena a uno sforzo consistente.lombalgia
  • Il più conosciuto colpo della strega, un dolore molto forte e improvviso dovuto ad un movimento brusco e scorretto che coinvolge la parte bassa della schiena e  che non permette l’individuo di rialzarsi in posizione eretta e può perdurare diversi giorni.
  • La comparsa improvvisa  di un dolore lancinante nella zona lombare della schiena, come se si fosse stati trafitti, senza necessariamente aver effettuato alcuno sforzo.
  • Il dolore della lombalgia acuta può non limitarsi alla schiena ma irradiarsi ai glutei e ai fianchi. Può bloccare totalmente la schiena e impedire ogni movimento.
  • La lombalgia cronica è una lombalgia acuta protratta nel tempo e non curata in modo adeguato. Inoltre se non viene controllata potrebbe avere ripercussioni per molti anni e subire peggioramenti ogni volta si assume una postura scorretta.
  • Nel caso in cui il dolore persiste e si diffonde ai glutei e ad uno degli arti inferiori si parla di lombosciatalgia.

Cause della lombalgia acuta

La prima causa e più frequente è la degenerazione dei dischi intervertebrali, condizione chiamata anche discopatia degenerativa. Si tratta di una patologia per cui il tessuto discale perde progressivamente le sue funzioni a causa dell’inarrestabile e naturale processo d’invecchiamento.

  • I processi degenerativi che riguardano la zona lombare sono causati dall’invecchiamento sono relazionati anche ad artrosi, ernie dei dischi lombari e degenerazione fisiologica dei tessuti.
  • Talvolta le cause possono essere ricondotte alla genetica e familiarità.
  • Esagerare con gli esercizi, senza conoscere e/o rispettare i propri limiti e senza l’ausilio di un istruttore, cosi come un allenamento frettoloso effettuato senza previo riscaldamento può portare a lombalgia.
  • Al contrario di quanto detto sopra, il dolore lombare può anche essere causato da una vita troppo sedentaria. Meno movimento si fa piu’ e’ probabile di incorrere a problemi legati alla schiena, in modo particolare la lombalgia.lombalgia
  • Lavori pesanti e ripetitivi o posture scorrette
  • Debolezza della struttura muscolare, in modo particolare della zona addominale e lombare che non ha la forza sufficiente per sostenere pesi  e sforzi esagerati.
  • Una scarsa core stability, che non significa solamente avere addominali forti, ma riguarda la capacita’ del corpo di controllare forza e  mobilita’ involucrando anche diafragma e muscoli della schiena.  E’ pertanto molto importante effettuare esercizi specifici per allenarla, al fine di una maggiore coordinazione e forza dei movimenti.
  • Riduzione della mobilità articolare. Specialmente persone che conducono una vita molto  sedentaria per questioni di lavoro, quindi la maggior parte della popolazione, se non dedicano qualche minuto del proprio tempo all’esercizio fisico e’ molto probabile che nel tempo siano colpiti da problemi alla schiena, tra cui la lombalgia o della cervicale, la grande malattia del secolo.
  • Condizioni della colonna vertebrale come iperlordosi o scoliosi che non sono curate e corrette possono portare a una lombalgia
  • Sovrappeso. Il problema del sovrappeso non è solamente una questione estetica, per altro relativa a determinati canoni imposti dalla società e pertanto discutibili. È tuttavia provato che eccesso di massa grassa può portare grossi problemi al proprio organismo e a tutta la struttura ossea e muscolare che si vede costretta a sopportare pesi che non e’ in grado di sostenere causando affaticamento e degrado, specialmente alla colonna vertebrale.
  • Disidratazione cosi come il nostro corpo è costituito al 75% di acqua, cosi i dischi intervertebrali  sono costituiti da una grossa percentuale di acqua che permette loro di ammortizzare nel modo corretto; quando siamo disidratati i dischi vengono privati del loro fabbisogno di acqua e si assottigliano perdendo la loro efficacia.
  • Fumo: il fumo è dannoso sempre e comunque, soprattutto perché impedisce la corretta ossigenazione dei tessuti.
  • Sindrome del piriforme e del piccolo gluteo: ne abbiamo già parlato quando abbiamo affrontato il tema del nervo sciatico. Un danno a questi muscoli influenza l’equilibrio della schiena e quindi si possono riflettere sulla parte lombare.
  • Problemi cronici come osteoporosi,  o altre situazioni come ernia al disco o  fratture possono creare problemi di lombalgia.
  • Situazioni relative ad uno scorretto appoggio plantare  come ad esempio il piede cavo, piatto o l’alluce valgo
  • Qualsiasi problema muscolare che si riflette sulla stabilità della colonna vertebrale.
  • Anche fattori psicologici quali depressione, ansia, eccesso di stress o frustrazioni a livello professionale o personale possono essere causa di dolori localizzati tra cui la parte bassa della schiena.
Leggi anche:   Alcuni consigli utili per una corretta alimentazione

Cura della lombalgia

Per curare la condizione di lombalgia, cosi come per qualsiasi patologia il primo consiglio è di rivolgersi al medico, generico o direttamente da uno specialista, osteopata ortopedico o neurochirurgo.  In base alla diagnosi effettuata il medico prescriverà una terapia basata su diversi tipi di trattamenti.

Desideriamo puntualizzare tuttavia che è necessario affrontare il problema a livello olistico se si vuole ottenere una completa guarigione e migliorare la propria qualità di vita. Ad esempio sarebbe alquanto inutile assumere farmaci antidolorifici o sottoporsi ad un’operazione chirurgica se non si acquisiscono abitudini alimentari che favoriscono e mantengano una situazione di   benessere, come  ad esempio bere  sufficiente acqua, fare esercizio, o acquisire corrette abitudini alimentari.

È importante quindi mantenere un approccio olistico quando si affronta qualsiasi condizione che sia una patologia o un semplice malessere.

Qui vi elenchiamo qualche terapia e trattamento:

  • Farmaci antinfiammatori e antidolorifici  che come dicevamo prima non sono sufficienti in quanto non colpiscono le cause del problema ma fungono da paliativo.
  • Massoterapia, ginnastica posturale e manipolazioni. Se effettuati con un esperto professionista sono ottimi rimedi naturali per risolvere il problema alla sua origine.
  • Terapie fisiche ed elettromedicali come tens, tecar, ionoforesi o laser terapia
  • Operazione chirurgica che comunque deve essere seguita da seguito fisioterapia, riabilitazione e rieducazione funzionalelombalgia
  • Riflessologia plantare o integrale, agopuntura, shiatzu, chiniesiologia sono tutte terapie alternative che possono decisamene alleviare il problema e risolverlo se accompagnate da un migliore stile di vita.
  • L’omeopatia e’ un’ottima ed efficace alternativa ai farmaci allopatici, se si consulta il professionista competente. E’ bene assicurarsi che l’omeopata interpellato segua la branchia di omeopatia unicista, l’originale diffusa dal fondatore Hahnemann, affinche sia efficace.
  • Non dimentichiamoci l’aspetto psicologico. E’ importante conoscere la propria condizione mentale e capire se si hanno disturbi e frustrazioni a livello lavorativo o personale che possano aver provocato la lombalgia. Quindi massaggi rilassanti e migliore stile di vita possono riportare il fisico a una condizione migliore.
  • Per chi ama gli oli essenziali l’artiglio del diavolo, l’arnica montana e gli oli essenziali dalle proprietà rilassanti, come l’olio essenziale di lavanda sono indicati per alleviare la lombalgia.  Da questo punto di vista suggeriamo comunque di consultare il vostro erborista di fiducia.

Tutte queste terapie devono comunque essere accompagnate da una dieta corretta, esercizi appropriati e uno stile di vita sano. Nel caso di sovrappeso e’ necessario eliminare i chili di troppo per liberare la colonna di un peso eccessivo. Bere molta acqua per mantenere il corpo idratato è molto importante, sempre.

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend