Sai cos’è la lipotimia? Scopriamone le cause, i sintomi e come trattarla

da Redazione Iunoy,

La lipotimia è una sensazione di malessere durante la quale il soggetto colpito accusa una improvvisa debolezza, senza necessariamente arrivare alla completa perdita di coscienza.

Un’altra definizione di lipotimia può essere: breve e parziale perdita dello stato di coscienza con o senza sintomi neurovegetativi.

Spesso viene impropriamente utilizzato anche il termine “prelipotimia” per indicare i sintomi prodromi non seguiti dalla perdita dello stato di coscienza.

Una condizione simile è l’astenia, che rappresenta una sensazione di stanchezza generale di carattere psico-fisico.

La Società Italiana di Cardiologia infatti, suggerisce di evitare l’uso di questi due termini, consigliando di uniformarsi alla terminologia internazionale che distingue la sincope dalla presincope.

Con il termine presincope infatti si intende l’insieme dei sintomi che precedono la sincope, ovvero la perdita transitoria dello stato di coscienza dovuta ad una ipoperfusione cerebrale acuta.

lipotimia-salute-benessere-cause-sintomi-rimedi

Tuttavia la sincope vera e propria può anche non essere preceduta dalla presincope.

Rispetto alla sincope, nella lipotimia, la perdita di coscienza non è brusca e il paziente presenta segnali premonitori quali debolezza, instabilità, nausea e annebbiamento della vista.

La lipotimia si riscontra in soggetti ipersensibili, in situazioni di forti emozioni, di stati ansiosi, oppure in caso di dolori, traumi, o situazioni che favoriscono la vasodilatazione, come ad esempio negli ambienti molto caldi ed umidi.

A shot of a stressed and ill businesswoman

Lipotimia: ecco quali sono le cause

La causa principale della lipotimia è una cattiva ossigenazione cerebrale dovuta ad un calo della pressione arteriosa.

Quando il cervello non riceve abbastanza sangue le sue attività si interrompono bruscamente con una possibile interruzione dello stato di coscienza.

E’ possibile riscontrarne anche altre come:

  • stress
  • stanchezza
  • calore eccessivo
  • scarsa o cattiva ossigenazione dell’ambiente
  • ipoglicemia
  • digiuno
  • anemia
  • emorragie
  • ustioni
  • traumi fisici
  • intense emozioni
  • immobilità prolungata

Un’altra possibile causa (meno frequente) di lipotimia è l’ulcera peptica, che può colpire la mucosa dello stomaco, del duodeno o dell’esofago.

Per ridurre i sintomi di lipotimia è necessario porre il paziente in una posizione che consenta il massimo flusso sanguigno al cervello (cioè disteso o con la testa abbassata).

La lipotimia può anche comparire anche quando ci si alza bruscamente in piedi, con conseguente calo di afflusso di sangue al cervello.

Leggi anche:   5 ALIMENTI PER UNA MENTE PIU’ BRILLANTE E REATTIVA

I sintomi da monitorare

I principali sintomi di lipotimia sono:

  • impressione di testa vuota
  • annebbiamento della vista, e avverte il bisogno o la necessità di distendersi
  • alterazioni momentanee della coscienza
  • pallore
  • sudore freddo
  • vertigini
  • nausea
  • abbassamento della frequenza cardiaca

Come anticipato la perdita di coscienza non è completa, il respiro viene conservato ma il polso è debole e lento.

lipotimia-salute-benessere-cause-rimedi-iunoy

Come intervenire in caso di lipotimia?

In caso di lipotimia se il paziente si riprende nel giro di qualche istante autonomamente non vi è la necessità di ricorrere a manovre specifiche o cure ospedaliere.

In ogni caso è buona norma:

  • porre il soggetto disteso e con le gambe alzate con l’aiuto di cuscini, sedie, sgabelli o semplicemente tenendole sollevate
  • lasciarlo sdraiato per un po’, impedendogli di alzarsi bruscamente con il rischio di un nuovo svenimento
  • liberarlo da indumenti che possono costringerlo come cinture, cravatte o camicie
  • far allontanare la folla per consentire una buona respirazione
  • sorvegliare il battito cardiaco e le funzioni vitali

Tuttavia, poiché le cause di lipotimia possono essere molteplici, è bene compiere una visita di controllo al pronto soccorso per accertamenti anche nel caso in cui la situazione sembri essere tornata alla normalità.

E’ assolutamente sconsigliata la somministrazione di alcolici. Essendo l’alcol un vasodilatatore, di la sua assunzione potrebbe indurre un ulteriore abbassamento della pressione.

[Ne abbiamo parlato anche qui]

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend