Frutta secca: proprietà, benefici e controindicazioni

da Redazione Iunoy,

FRUTTA SECCA: INTRODUZIONE

Per frutta secca si intendono quei frutti che mediante un processo di essiccazione naturale o artificiale con speciali essiccatori, vengono privati della maggior parte dell’acqua in essa contenuta.

In genere si definiscono frutta secca le noci, mandorle, ecc, che in realtà non sono dei frutti, ma bensì dei semi.

La frutta secca si può suddividere in due categorie:

  • glucidica o frutta secca non oleosa, ricca di zuccheri e povera di grassi (ad esempio albicocche, ananas, mele, uva, banane, datteri, prugne, fichi, mirtilli, mango, ecc.)
  • lipidica o frutta secca oleosa, ricca di grassi e povera di zuccheri (come arachidi, mandorle, nocciole, noci, noce di cocco, pinoli, pistacchi, castagne).

E’ abitudine comune ritenere che la frutta secca faccia ingrassare; in realtà, se assunta nelle giuste quantità, è un complemento davvero prezioso alla nostra alimentazione quotidiana, in quanto ricca di grassi cosiddetti buoni.

La frutta secca infatti è costituita da grassi monoinsaturi e polinsaturi, utilissimi a combattere il colesterolo e contiene numerose vitamine, specialmente la A, E, C, e K.

Sono presenti inoltre sali minerali, come il potassio, il fosforo, il magnesio, il calcio e lo zinco e un buon quantitativo di fibre.

Essendo comunque ipercalorica va mangiata con moderazione: la porzione giornaliera consigliata è di 30 g per quella oleosa e di 50-60 g per quella glucidica.

Tra la frutta secca più consumata troviamo:

FRUTTA SECCA: LE NOCI 

Sono una buona fonte di omega 3, proteggono dalle malattie cardiache e proteggono da malattie di tipo infiammatorio e non.

Contiengono acido ellagico, antiossidante benefico per il sistema immunitario dalle proprietà anticancerogene, e melatonina, sostanza prodotta dalla ghiandola pineale che aiuta a regolare il ritmo sonno-veglia e ha proprietà antiossidanti.

Le noci sono preziose fonti di sali minerali come magnesio, calcio, potassio e vitamina E.

FRUTTA SECCA: LE MANDORLE

Sono ricche di proteine e grassi monoinsaturi.

Stabilizzano gli zuccheri nel sangue evitando picchi glicemici, con conseguente prevenzione di malattie come il diabete.

Contengono antiossidanti, calcio, magnesio e fosforo, contribuendo ad una buona salute delle ossa a tutte le età. Utili anche per tenere sotto controllo il colesterolo.

FRUTTA SECCA: I PISTACCHI

Sono utili per chi ha problemi di grassi nel sangue, in quanto riducono i livelli di colesterolo cattivo (LDL) e aumentano i livelli di colesterolo buono (HDL).

Leggi anche:   Dito a martello: conosci le cause? Ecco ciò che devi sapere

Contengono sali minerali (tra cui il ferro), vitamine B ed E, e antiossidanti che contrastano i radicali liberi.

In genere, i pistacchi tostati vengono comunemente consumati durante gli aperitivi e contengono grosse quantità di sale; sono pertanto sconsigliati a chi soffre di ipertensione.

FRUTTA SECCA: GLI ANACARDI

Hanno un contenuto di grassi ridotto e interessanti proprietà. Sono infatti composti per il 75% da acido oleico, grasso benefico per il cuore presente nell’olio di oliva.

Questa frutta secca è una buona fonte di magnesio, fondamentale in alcune reazioni biochimiche del nostro corpo, come le funzioni muscolari e nervose.

Bisogna però fare attenzione ad eventuali allergie nichel: gli anacardi contengono 5,1 microgrammi di nichel per grammo.

FRUTTA SECCA: ECCO TUTTI I BENEFICI

La frutta secca presenta numerosi benefici:

  • è utile contro la stitichezza e favorisce il transito intestinale
  • limita anche l’assorbimento del colesterolo, in quanto ricca di fibra
  • aumenta i livelli di grassi “buoni” nel sangue in quanto ricca di omega 3 e omega 6
  • aiuta a reintegrare le sostanze nutritive che si perdono durante l’attività sportiva, contenendo molti sali minerali
  • limita le infiammazioni e svolge un’azione benefica sul fegato
  • favorisce la ricrescita capelli, in quanto ricca di zinco
  • può essere assunta in gravidanza anche se è preferibile evitare quella oleosa, troppo ricca di glucosio.

FRUTTA SECCA: LE CONTROINDICAZIONI

Dopo aver visto le proprietà benefiche della frutta secca scopriamo anche alcune controindicazioni:

  • sicuramente non è indicata a chi soffre di colon irritabile, gastrite, diarrea o aerofagia, in quanto ha un effetto lassativo
  • è vietata in caso di gotta essendo ricca di purine, dal cui metabolismo proviene la produzione di acido urico
  • possibili manifestazioni allergiche in quanto sia la frutta secca oleosa che glucidica contengono sostanze che provocano nell’organismo liberazione di istamina
  • basso potere di sazietà, che spinge a consumarne dosi eccessive, specie se parliamo di frutta secca lipidica

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend