Cos’è il 5° dito varo? Ecco tutto quello che devi sapere

Salute da Redazione Iunoy,

5° DITO VARO: INTRODUZIONE

Con il termine “5° dito varo” si indica un particolare condizione patologica caratterizzata da una deformità del piede.

Nello specifico, si tratta di una ipertensione dell’articolazione metatarso-falangea all’altezza del quinto dito del piede, a cui fa compagnia una deviazione netta del dito verso l’interno del piede.

Alla vista, è facile notare intanto la deviazione del quinto dito verso l’interno, ma allo stesso modo una cipolla sul bordo laterale del piede, la quale rende difficoltoso l’uso delle scarpe e anche la normale camminata.

Il quinto (5°) dito varo è una patologia che può presentarsi a qualunque età e che che colpisce nella stragrande maggioranza il sesso femminile.

Per tipologia, è affine ad un’altra problematica definita alluce valgo: in questo caso, la deformazione colpisce il primo dito del piede – alluce – che, come per il 5° dito varo, devia verso l’interno producendo una sporgenza mediale del primo osso metatarsale.

5 dito varo: cause, sintomi e rimedi

5° DITO VARO: QUALI SONO LE CAUSE?

Come sempre, prima di affrontare una terapia, è bene capire quali siano le motivazioni che inducono la patologia a manifestarsi.

Nel caso del 5° dito varo, le cause possono essere diverse e riguardare sia la pelle che l’osso:

  • Innanzitutto, può essere ereditato geneticamente
  • In alcuni casi, è la conseguenza di un’altra patologia a carico del piede
  • A volte si manifesta a seguito di un problema neurologico o reumatico
  • L’uso prolungato di scarpe inadatte, che ci inducono a un’eccessiva pressione sul bordo laterale, è un’altra delle cause
  • Lo sviluppo imperfetto del legamento metatarsale tra 4° e 5° dito
  • Anche l’eccessiva pressione sul bordo laterale del piede, dovuta alla posizione seduta (e ripetuta) con le gambe incrociate, può determinare l’insorgere della patologia (per fare un esempio, è la posizione tipico di un sarto)
Leggi anche:   Borsite del calcagno: cause, sintomi e rimedi

5° DITO VARO: QUALI SONO I SINTOMI?

Molti sintomi legati ai piedi sono simili. Nel caso del 5° dito varo, avendone anche viste le specificità con cui si manifesta (devianza all’interno del dito + cipolla laterale), possiamo identificare i seguenti sintomi:

  • Difficoltà a camminare
  • Difficoltà a indossare le scarpe tradizionali (che premono sulla cipolla)
  • Tumefazioni
  • E chiaramente dolori dovuti ad un assetto del piede fuori dalla normalità

Come detto in precedenza, l’alluce valgo presenta delle similarità.

quinto-5-dito-varo-salute-piede-25° DITO VARO: DIAGNOSI E RIMEDI

Trattandosi di una patologia molto visibile, nella maggior parte dei casi è sufficiente un esame obiettivo per comprenderne la natura.

Di norma, il medico specialista esegue una radiografia per rilevare in maniera netta il disallineamento tra il 5° metatarso e il 5° dito del piede.

Una volta diagnosticato il 5° dito varo, le cure possono essere di tipo conservativo e prevedere:

  • Fisioterapia
  • Cerottaggi
  • Antinfiammatori
  • Uso di scarpe adeguate, con pianta sufficientemente ampia e tomaia morbida
  • Uso di plantari morbidi per una migliore distribuzione del peso
  • Uso di ortensi (protezioni in silicone) per migliorare la postura del piede

Qualora le terapie sopra non fossero sufficienti a lenire il dolore, sarà necessario affidarsi alla chirurgia.

Si interviene con tecniche percutanee, poco invasive, per correggere i tessuti molli e l’osso del piede.

L’intervento si esegue in anestesia locale e può prevedere:

  • plastiche cutanee
  • allungamenti tendinei
  • osteotomie dell’osso per il riallineamento dell’articolazione

A fine intervento il carico è immediato e, naturalmente, non vengono impiegati fili metallici o altri mezzi di sintesi.

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
condividi questo articolo

Send this to a friend