Le 10 diete più seguite degli ultimi anni

da Redazione Iunoy,

Negli ultimi anni si è assisto a numerose tendenze in fatto di diete , ognuna con caratteristiche diverse e adatta a soggetti con conformazioni fisiche diverse.

C’è chi sceglie un determinato regime alimentare perché vuole perdere peso, c’è chi ha come obiettivo sciogliere il grasso in eccesso,  c’è chi vuole aumentare la propria massa muscolare.

Di seguito riportiamo alcune delle diete più conosciute al mondo e più seguite degli ultimi anni:

  • Dukan
  • Mediterranea
  • Vegetariana
  • Vegana
  • A zona
  • Plank
  • Scarsdale
  • Dissociata
  • Metabolica
  • Disintossicante

Dieta Dukan

E’ la dieta delle diete, la più seguita degli ultimi anni. E’ stata testata per la prima volta da Kate Middleton, moglie del Principe William, in occasione del suo matrimonio.

Kate Middleton è arrivata a perdere addirittura due taglie nel giro di poco tempo. Molti ritengono tuttavia che la Dukan non sia una dieta equilibrata.

Non è altro infatti che una dieta proteica basata su una iniziale eliminazione di carboidrati, frutta e verdura, con assunzione di  sole proteine, obbligando l’organismo a ricavare energia dalle scorte di grasso

Dieta mediterranea

Più che una vera e propria dieta è uno stile alimentare fatto di regole e di abitudini ispirate alla tradizione dei paesi mediterranei quali Italia, Grecia, Spagna e Marocco.

Si basa su alcuni principi quali:

  • consumo di proteine vegetali in quantità maggiori rispetto a quelle animali
  • consumo di grassi vegetali rispetto a quelli saturi
  • preferenza per i carboidrati complessi a rispetto a quelli semplici
  • elevata introduzione di fibre
  • riduzione del livello di colesterolo
  • preferenza per la carne bianca rispetto a quella rossa
  • consumo di pesce e legumi

Dieta vegetariana

Esclude rigorosamente la carne di qualsiasi animale e alcuni prodotti di origine animale. Si basa quindi su cereali, legumi, verdura e frutta (sia fresca che secca), latte, latticini e uova (anche se non tutti ne fanno uso).

In base al grado di esclusione dei cibi animali all’interno delle diete vegetariane è possibile distinguere in:

  • dieta latto-ovo-vegetariana (esclude gli alimenti che derivano dall’uccisione diretta di animali)
  • dieta latto-vegetariana (oltre agli alimenti esclusi nella dieta latto-ovo-vegetariana esclude anche le uova)
  • dieta vegana (esclude tutti gli alimenti di origine animale)

Dieta vegana

E’ una filosofia alimentare che non prevede il consumo di carne e pesce, come nella dieta vegetariana, ma in più non sono vietati anche derivati dagli animali come uova e formaggi.

Questa “filosofia”  si basa sul rispetto nei confronti degli animali e il rifiuto di qualsiasi forma di violenza nei confronti degli esseri viventi.

La dieta vegana non è ritenuta un regime alimentare equilibrato e non può essere adottata per lunghi periodi, a meno che non vengano utilizzati integratori alimentari. Tuttavia presenta dei fattori favorevoli:

  • è utile nella prevenzione dell’aterosclerosi collegata ad una riduzione del colesterolo
  • è ricca di antiossidanti e di fibre
  • cura le iperuricemie e previene episodi di gotta

Dieta a zona

E’ una strategia alimentare che utilizza il cibo con grande attenzione, in cui le calorie non hanno un’importanza primaria.

È una dieta a basso contenuto di carboidrati (non in modo drastico) e permette di perdere peso senza troppe rinunce.

Tra i vantaggi della dieta a zona troviamo:

  • sensazione di maggiore energia
  • sensazione di avere una migliore memoria

La dieta a zona non si basa sul conteggio delle calorie ma il consumo calorico per le donne non dovrebbe superare le 1100-1200 kcal al giorno mentre per gli uomini dovrebbe essere di 1400-1600 kcal.

Si dovrebbero fare nel corso di una giornata tre pasti principali distanziati di 4-5 ore l’uno dall’altro e due spuntini. Una regola fondamentale è quella di fare la colazione entro un’ora dal risveglio.

Leggi anche:   Spezie: proprietà e benefici delle 10 spezie più utilizzate in cucina

Dieta plank

Non è altro che un regime alimentare iperproteico che consente di perdere fino a 9kg in due settimane e di mantenere il peso raggiunto per almeno tre anni, senza ulteriore diete o un fasi di mantenimento.

Si basa quindi un cambiamento generale del metabolismo. La dieta plank prevede uno schema alimentare molto rigido costituito da carne, pesce, uova e formaggio, riducendo al minimo l’apporto di fibre e di vitamine, ricavandolo da ortaggi come carote, spinaci, insalata, e frutta.

Dieta scarsdale

Anch’esso è un regime alimentare iperproteico a basso contenuto di carboidrati e di grassi. La dieta deve essere seguita per 14 giorni e consente di perdere fino a 10 kg, per poi adottare una dieta di mantenimento. Si riprende soltanto se si acquisiscono più di 2 chili oltre il peso forma.

Pranzo e cena devono sono costituiti da alimenti proteici, poveri di carboidrati e privi di condimenti. Sono vietati gli  spuntini, ma è incentivato l’uso di preparazioni erboristiche in grado di tenere sotto controllo lo stimolo della fame.

Dieta dissociata

E’un regime alimentare largamente diffuso in tutto il panorama dietetico internazionale che consiste in una corretta associazione dei vari alimenti.

 E’ infatti assolutamente vietata l’associazione di certi cibi all’interno dello stesso pasto o, addirittura, della stessa giornata, come ad esempio l’associazione all’interno dello stesso pasto di cibi ricchi di proteine con altri a base di carboidrati, oppure evitare di abbinare fonti proteiche di diversa natura (come carne e pesce oppure legumi e latticini).

La cena dev’essere ricca di proteine e deve escludere completamente i carboidrati, ad eccezione di quelli complessi contenuti nelle verdure o nei cereali integrali.

Dieta metabolica

Come dice la parola stessa, è un sistema di dimagrimento che si basa sul metabolismo: mangiando zuccheri si bruciano prevalentemente carboidrati, mentre consumando grassi è possibile attingere maggiormente alle riserve lipidiche.

Lo scopo della dieta metabolica è quindi quello di velocizzare un metabolismo troppo lento. E’consigliata quindi la frutta, la verdura, le proteine della carne, del pesce e delle uova.

Sono assolutamente da evitare: grassi e zuccheri, che richiedono una digestione più lunga, bevande alcoliche e dolcificate, e verdure come broccoli, ravanelli, cavoli e verze.

Dieta disintossicante

Viene chiamata anche dieta detox e si intende un regime alimentare con lo scopo di depurare l’organismo dalle tossine accumulate a causa di:

  • consumo di cibo spazzatura e bevande zuccherate
  • stress psicologico
  • assunzione di farmaci
  • inquinamento ambientale

L’obiettivo della dieta disintossicante è quello di migliorare lo stato di salute generale della persona e non puntare solo al dimagrimento.

Tuttavia, a causa delle ridotte quantità di energia assunte, si assiste anche ad una riduzione del peso corporeo, del grasso corporeo dell’adipe, delle proteine muscolari, del glicogeno e dell’idratazione corporea.

In fatto di diete, insomma, ci sarà sempre che lancerà la nuova moda e chi, invece, si atterrà al suo regime alimentare tradizionale.

La cosa importante, come sempre, resta valutare chi sono i promotori di queste nuove diete, che qualifiche hanno e, soprattutto, come dicono gli altri medici a riguardo.

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend