Dieta Scarsdale: il nuovo modo di dimagrire in 2 settimane

da Redazione Iunoy,

La dieta Scarsdale è anch’essa un regime alimentare iperproteico a basso contenuto di carboidrati e di grassi.

La dieta deve essere seguita per 14 giorni e consente di perdere fino a 10 kg, per poi adottare una dieta di mantenimento. Si riprende soltanto se si acquisiscono più di 2 chili oltre il peso forma.

Pranzo e cena devono sono costituiti da alimenti proteici, poveri di carboidrati e privi di condimenti. Sono vietati gli  spuntini, ma è incentivato l’uso di preparazioni erboristiche in grado di tenere sotto controllo lo stimolo della fame.

Anche in questo caso esistono alimenti tassativamente vietati come la pasta, il riso, le patate, i legumi ad alto contenuto di glucidi come lenticchie, fagioli e piselli, il burro, la panna, l’olio, l’alcool e tutte le bevande gasate o contenenti zucchero.

Tra gli alimenti consentiti abbiamo invece: carne bianca che rossa magra, uova e formaggi magri e frutta. Sono inoltre consentiti tè, caffè, tisane depuranti senza zucchero.

Come anticipato, la dieta Scarsdaledeve durare al massimo 2 settimane e, una volta concluse, si passa alla fase di mantenimento, che dura altre 2 settimane.

Una volta terminato anche il periodo di mantenimento è possibile tornare ad una alimentazione normale, senza ovviamente esagerare. Se invece si vogliono perdere altri chili si possono intraprendere altre 2 settimane di dieta seguite da altre 2 di mantenimento.

E’ importante non andare oltre le 2 settimane di dieta altrimenti si rischiano effetti collaterali importanti causati dall’eccessiva privazione di carboidrati.

La fase di mantenimento serve anche a farriadattare l’organismo a metabolizzare alimenti e sostanze a cui non era più abituato.

Per evitare di riprendere di colpo tutti i chili persi nella fase precedente è fondamentale reinserire i vari alimenti in modo graduale.

Tra gli alimenti consentiti nella fase di mantenimento troviamo: latte scremato, formaggi magri, carni bianche magre, pesce e di crostacei non in scatola, 3 uova alla settimana, frutta e succhi di frutta non zuccherati, bevande non zuccherate, pane in quantità moderata, spezie di ogni tipo.

Leggi anche:   Omega-3: una fattore chiave per la tua salute

Tra gli alimenti banditi invece abbiamo: zucchero, latte intero e panna, legumi, patate riso, pasta, pizza ed altri alimenti in cui vi sia farina, salumi e carni grasse, burro e maionese.

CONTROINDICAZIONI DELLA DIETA SCARSDALE

La principale controindicazione della dieta Scarsdale è data dall’alto apporto proteico che, a lungo andare, può risultare dannoso per l’organismo soprattutto per fegato e reni.

Se quindi l’obiettivo è di perdere peso in modo drastico e rapido, la dieta Scarsdale può risultare una buona soluzione, altrimenti è meglio affidarsi a una dieta ipocalorica bilanciata che darebbe risultati più sani e più duraturi nel tempo.

Tra i principali effetti collaterali di un regime alimentare iperproteico come questo troviamo:

  • mal di testa
  • senso di stanchezza

Ad ogni modo tra le diete drastiche dell’ultimo minuto è forse una delle meno dannose almeno per coloro che godono di buone condizioni di salute purchè naturalmente venga rispettato il limite dei 14 giorni.

Esistono però delle condizioni in cui è sconsigliato seguire questo tipo di regime alimentare:

  • donne in gravidanzae in fase di allattamento:una dieta così sbilanciatapotrebbe causareproblemi sia in fase di formazione del feto che per il neonato
  • persone che soffrono di problemi ai reni o al fegato

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend