Costole fratturate: quali sintomi e come curarle

da Redazione Iunoy,

COSTOLE FRATTURATE: DI COSA SI TRATTA

Si ha una condizione di costole fratturate quando una o più coste della gabbia toracica presentano rotture più o meno gravi. La frattura può riguardare una costola soltanto o, in casi peggiori, diverse costole adiacenti. In questo ultimo caso si parla di frattura multipla di costole.

È tuttavia importante distinguere una costola fratturata dalla costola incrinata  di cui abbiamo ampiamente parlato in questo altro articolo. Mentre la costola incrinata implica una più o meno forte contusione, per cui la costola rimane nella sua sede corretta, la costola fratturata è rotta e spesso fuori posto.

CAUSE

La frattura alle costole è  principalmente causata da un forte trauma al torace per una brutta caduta, un incidente stradale o durante un’attività sportiva che prevede contatto fisico, quali il calcio, il basket, le arti marziali e la boxe.

Tuttavia ci sono situazioni della vita quotidiana o legate ad altre patologie che, in alcuni casi, possono causare fratture alle costole:

  • Una tosse molto forte. Sebbene possa sembrare poco credibile, colpi di tosse molto forti e ripetitivi possono causare la rottura delle ossa della cassa toracica.
  • Un movimento ripetitivo che avviene durante una pratica sportiva, specialmente in sport come il golf e il canottaggio, o sul luogo di lavoro. In questi casi, i medici parlano più propriamente di frattura alle costole da stress.

In generale, le costole soggette più spesso a frattura sono quelle situate al centro della gabbia toracica, mentre le prime due paia di costole sono più sensibili a traumi facciali o colpi di testa.

SINTOMI

Il sintomo principale della costola fratturata è il dolore localizzato sull’area interessata all’altezza della frattura stessa e può variare d’intensità a seconda delle circostanze. In particolare aumenta nelle seguenti situazioni:Costole fratturate: cause, sintomi e rimedi

  • Durante una respirazione  profonda.
  • Quando vengono esercitate pressioni sulla gabbia toracica lesa.
  • Con i movimenti di torsione e piegatura del corpo.

Nel caso in cui la frattura causa anomalie nella respirazione, potrebbero sorgere ulteriori malesseri quali:

  • Fiato corto
  • Mal di testa
  • Vertigini, stanchezza e/o sonnolenza
  • Ansia e irrequietezza

Gonfiore ed ematoma sono invece sintomi evidenti che la frattura è stata causata da un trauma.

 

COMPLICAZIONI

Talvolta le costole fratturate possono portare a varie  complicazioni, soprattutto se la condizione è grave e/o non viene immediatamente trattata.  Le complicazioni variano anche a seconda della posizione della costola fratturata. Vediamo alcuni casi:

  • Lesione dei vasi sanguigni toracici più importanti. Avviene quando ad essere danneggiate sono le prime tre paia di costole superiori. I due monconi ossei appuntiti creati dalla frattura possono danneggiare l’aorta o altri grossi vasi sanguinei del torace.
  • Lesione di uno dei polmoni. Quando le costole fratturate sono quelle situate a metà della casa toracica, come nel caso precedente, le estremità delle coste rotte possono danneggiare i polmoni. La grave conseguenza si chiama pneumotorace, ovvero il collasso del polmone dovuto alla sua perforazione che causa ingresso di aria e sangue nella cavita pleurica.
  • Lesione di milza, fegato e reni. Vengono lesionati con le stesse dinamiche e modalità descritte sopra, quando la frattura riguarda le costole inferiori
  • Polmonite e altri disturbi a livello polmonare. Quando la frattura delle costole causa l’incapacità di respirare profondamente, perché’ l’atto di respirare causa dolore, si può incorrere ad un’infiammazione polmonare più o meno grave

 

FRATTURA MULTIPLA: RISCHI

Se la frattura alle costole è multipla, si può incorrere al rischio di una condizione medica chiamata volet costale, che può avere conseguenze letali. È causata dal movimento di un gruppo di almeno 3 costole fratturate in due punti distinti.

In questo caso, le costole compiono movimenti opposti a quelli della gabbia toracica durante la respirazione. Questa condizione diventa pericolosa quando causa un pneumotorace e di conseguenza, a insufficienza respiratoria. Alcuni sintomi di volet costale si riconducono a lembo costale mobile, lembo toracico mobile e flail chest

 

QUANDO RIVOLGERSI AL MEDICO

E’ indispensabile rivolgersi ad un medico o centro ospedaliero più vicino quando si percepiscono un dolore forte e continuo o si avvertono problemi di respirazione .

DIAGNOSI

Una corretta e precisa diagnosi richiede di tue tipi di esami, un esame obiettivo che consiste in una visita medica e degli esami strumentali in cui il medico si avvale di strumenti di diverso tipo. Una diagnosi accurata e’ di fondamentale importanza per scongiurare la possibilità di pericolose complicanze e fornire la giusta terapia.

ESAME OBIETTIVO

Consiste in una visita in cui il medico indaga sul tipo di dolore, l’origine e il contesto in cui è sorto, nonché’ quali movimenti ne aumentino l’intensità. Il colloquio con il medico e’ seguito da una palpazione della zona dolorante l’auscultazione di polmoni e cuore e analisi di capo, collo, midollo spinale e ventre.

ESAMI STRUMENTALI

Gli esami strumentali indispensabili per una analisi conclusiva corretta e precisa. Normalmente una radiografia al torace è  sufficiente per individuare la frattura alle coste. Se si sospetta l’interessamento di organi vitali si può approfondire l’indagine con una Tac o una risonanza magnetica. Vediamo qui di seguito in cosa consistono.

  • Raggi X. Permettono di individuare la maggior parte delle fratture delle costole, eccetto nel caso in cui non siano ben definite. E’ bene sapere tuttavia che sebbene le radiazioni emesse sia minima, si tratta di radiazioni ionizzanti, nocive per la salute
  • TAC Sebbene molto utile per analizzare l’intera gabbia toracica e le condizioni degli organi e vasi sanguigni in essa contenuti tuttavia si avvale di elevati quantitativi di radiazioni ionizzanti, dannosi per il nostro organismo.
  • Risonanza magnetica nucleare (RMN). È un esame radiologico altrettanto efficace che consiste nell’esporre il paziente a campi magnetici, assolutamente  innocui.
  • Scintigrafia ossea E’ un esame di medicina nucleare, che fornisce una diagnosi molto dettagliata e precisa e pertanto prescritto quando il medico sospetta fratture minime e poco percettibili. Si tratta tuttavia di una tecnica molto invasiva che si avvale dell’utilizzo di un farmaco radioattivo iniettato in vena.
Leggi anche:   Lombalgia: sintomi, cura, rimedi per il dolore lombare

TRATTAMENTO

Costole fratturate: cause, sintomi e rimedi

Il trattamento delle costole fratturate è molto semplice e mira soprattutto alla riduzione del dolore. Infatti riducendo il dolore, il paziente riesce a respirare in modo corretto evitando cosi il rischio di polmonite. Le terapie consigliate sono quindi le seguenti:
  • Riposo. É necessario osservare un periodo di riposo finché non cessano i dolori (in genere da 3 a 20 giorni)e attendere che si completi il processo di calcificazione, cioè la formazione del cosiddetto callo osseo.
  • Applicazione di ghiaccio sulla parte dolente
  • Assunzione di antidolorifici, tra cui aspirina e derivati.
  • Si consiglia anche di eseguire un colpo di tosse o un respiro profondo una o due volte ogni ora.
  • Si può ricorrere, in alcuni casi, alla magnetoterapia: anche se la tecnica non è validata da studi scientifici, ci sono evidenze cliniche che gli impulsi elettromagnetici sfruttati in questa terapia alternativa siano di aiuto nell’accelerare la riduzione del dolore.

 

COSA NON FARE

  • Non bendare la zona toracica, in quanto impedisce la respirazione profonda, predisponendo cosi alla polmonite.
  • Da evitare la posizione distesa, che accentua i dolori: bisogna dormire in posizione semi seduta.
  • Non fumare durante il periodo di convalescenza. Anzi, giacché ci sei, approfitta per smettere del tutto!

PERIODO DI GUARIGIONE

Normalmente una condizione di costola fratturata senza complicazioni può guarire in un periodo che va dalle 6 alle 8 settimane.

 

COSTOLE FRATTURATE IN ETÀ PEDIATRICA

Nel caso di frattura costale in età pediatrica, si utilizza un approccio terapeutico distinto. La ragione principale sta nella differenza di flessibilità e elasticità che nel bambino è molto maggiore rispetto all’adulto.

Pertanto è molto più difficile il rischio di frattura in quanto le ossa del bambino sono più morbide e più propense a piegarsi che a rompersi. Viene in questo caso chiamata in gergo “frattura a legno verde” in quanto l’osso forma delle crepe ma non si rompe del tutto.

Tuttavia, al contrario dell’adulto, le fratture del bambino hanno bisogno di essere immobilizzate in modo da potersi rimodellare correttamente. È pertanto necessario tenere il bambino a riposo e, laddove fosse necessario, applicare un bendaggio per limitare i movimenti.

Inoltre c’è da sottolineare che le ossa dei bambini tendono a ripararsi molto più velocemente rispetto a quelle degli adulti e a ricostituirsi anche in meno di quattro settimane.

 

COSTOLE FRATTURATE IN ETÀ AVANZATA

Al contrario dei bambini, gli anziani sono maggiormente predisposti a fratture a causa dell’osteoporosi, alla tendenza a cadere spesso, agli effetti avversi dei farmaci e ai diminuiti riflessi protettivi durante le cadute. Il trattamento in soggetti anziani ha lo scopo principale di permettere all’individuo di tornare alla attività autonoma quotidiana, piuttosto che ripristinare la collocazione delle costole.

Non è possibile ricorrere all’immobilizzazione che potrebbe causare effetti opposti, mentre è preferibile ricorrere alla riduzione chirurgica a cielo aperto. In questo modo si riducono i frammenti ossei di una frattura attraverso l’applicazione di mezzi metallici.

Questo metodo è indicato generalmente quando l’immobilità prolungata non è auspicabile.

 

CONCLUSIONE
Concludiamo con una una raccomandazione importante: se hai subito un trauma alle costole e senti dolore, non aspettare oltre; vai subito dal tuo medico o al pronto soccorso. Potrebbe trattarsi anche solo di una costola incrinata e non fratturata, che, abbiamo visto, sono due cose diverse, ma solo una visita, seguita da eventuali esami di approfondimento, potrà far luce sulla situazione.

 

 

 

 

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend