Bruciore di stomaco: cause e rimedi naturali

da Redazione Iunoy,

Il bruciore di stomaco é un problema molto comune, conosciuto anche come pirosi o acidità gastrica in relazione alle cause che lo provocano. Quella sensazione di bruciore che si prova all’altezza dello stomaco, più o meno intensa, è infatti dovuta ad acidità e provocata solitamente da cattive abitudini alimentari che prediligono per carne, latticini, caffé ed altri alimenti con proprietà infiammatorie.

Nel caso in cui l’acidità di stomaco, e quindi la sensazione di bruciore, non sia un problema cronico, ma saltuario, è più facile capirne le cause. Quando invece si tratta di un processo lento e relazionato ad altri fattori con il coinvolgimento di altri organi è necessario effettuare esami specifici affinché il medico possa identificarne le cause  e prescrivere il trattamento corretto.

In generale l’aumento dell’acidità può essere comunque legato a diversi altri fattori predisponenti. Ve ne elenchiamo alcuni assieme alle principali patologie correlate e i relativi sintomi che le caratterizzano.

Cause e Sintomi

Gastrite acuta

La gastrite acuta e’  caratterizzata da un processo di infiammazione sulla parete gastrica interna.

In presenza di gastrite acuta,  normalmente il bruciore sorge subito dopo il pasto ed è relazionato alle proprie abitudini comportamentali, piu semplice quindi da curare. Ha inoltre ricorrenza saltuaria. Le cause piu’ frequenti nei casi di gastrite acuta sono:

  • pasti troppo abbondanti ricchi di proteine animali e altri alimenti che provocano acitiá e difficili da digerire
  • stress
  • farmaci

Ulcera gastrica

Nel caso in cui aciditá e bruciore insorgano entro i primi 30 minuti successivi al pasto e appaiono in concomitanza con  dolore allora si potrebbe bruciore di stomaco -cause-rimedi naturali

trattare di ulcera gastrica.

Ulcera duodenale

Si potrebbe parlare di ulcera duodenale quando il bruciore allo stomaco si cronicizza, ovvero, inizia lentamente e lontano dai pasti e si protrae nel tempo. Talvolta viene attenuato quando si introducono alimenti.

Malattia da reflusso gastreoesofageo.

Se la sensazione di bruciore si estende nella regione superiore all’area gastrica, fino ad interessare le fauci, probabilmente si tratterà di un caso di malattia da reflusso gastreoesofageo. Questa patologia è caratterizzata dalla risalita del contenuto gastrico nell’esofago in quanto la valvola muscolare che chiude l’imboccatura dello stomaco non sta funzionando bene e permette al cibo di ritornare all’esofago. I bruciori allo stomaco sono uno dei tanti sintomi del reflusso gastreofageo e sono  accompagnati da eruttazione e vomito. Inoltre si noterà che acidità e bruciore insorgono maggiormente in concomitanza con cambi di postura.

Erna iatale

L’ernia iatale può a sua volta causare il reflusso gastreofageo. L’ernia iatale è una patologia in cui si forma una protuberanza più o meno estesa dello stomaco che passa dalla cavitá addominale a quella toracica attraversando il diaframma attraverso il foro in cui passa l’esofago

Ansia

I fattori emozionali hanno un peso non indifferente tra le cause dei bruciori di stomaco, specialmente se si conduce una vita frenetica e stressante e si consumano i pasti velocemente e con l’ansia di terminare per tornare al lavoro, o peggio davanti al computer nel contesto lavorativo per esempio.

 

Trattamento

Farmaci

La medicina tradizionale utilizza una serie di medicinali antiacidi e procinetici  e antisecretivi, per assumere i quali e’ sempre necessario rivolgersi al medico ( tradizionale)

Rimedi naturali

Secondo il noto igienista e naturopata Valdo Vaccaro “ L’acidità di stomaco non è effetto dell’eccessiva secrezione acida della mucosa bruciore di stomaco -cause-rimedi naturali

stomacale, come afferma spesso la medicina, bensì è l’acidificazione degli alimenti maldigeriti. Sono le putrefazioni e le fermentazioni malsane a creare surriscaldamento del tubo gastrointestinale e congestione sanguigna ventrale.”
Leggi anche:   Stomaco: anatomia, funzioni, disturbi

Secondo il dott. Vaccaro, il bruciore allo stomaco e l’acidità dipendono da un’alimentazione che lui definisce “innaturale per l’uomo”, ricca di proteine animali (Incluso il latte e derivati) che provocano l’infiammazione, oltre ad altre cause quali la mancanza di aria fresca e pura ed esercizio fisico,  una respirazione scorretta  e tensioni nervose.

 

Cosa non fare

È pertanto fondamentale partire dalla radice, ovvero dall’alimentazione, e dalle abitudini comportamentali, ininziando con l’eliminazione di cio’ che fa male tra cui:

  • Caffe’ e alcol
  • Uso di antiacidi e di medicine da banco in quanto secondo Vaccaro smorza temporaneamente il sintomo e nasconde i problemi reali che stanno all’origine dei bruciori
  • Cacao
  • The
  • Cioccolata
  • Bevande e cibi caldi
  • Aria viziata e tabacco
  • Bevande gassate e bevande e cibi confezionati
  • Evitare antibiotici, steroidi, antinfiammatori, antidolorifici, antidepressivi e farmaci in genere.
  • Infine, piu’ facile a dirsi che a farsi, e’ bene cercare di evitare situazioni stressanti e cercare di prendere la vita con piu’ leggerezza, “occuparsi” delle cose invece di “preoccuparsi”.

Cosa fare

Il Dott. Vaccaro consiglia di iniziare con un cambio nell’alimentazione e prediligere per i seguenti alimenti, ideali per la condizione di bruciore allo stomaco:

  • Frutta cruda, tra cui agrumi a prima colazione
  • Insalata verde
  • Carote
  • Avocado
  • Mandorle dolci.
  • Nel caso non si sia preparati per la verdura cruda si puo’ iniziare con delle verdure leggermente cotte al vapore

La necessitá e’ quella di mantenere un equilibrio acido-basico lungo l’intero circuito gastrointestinale, tenendo in considerazione che molti alimenti alcalini fuori dal nostro corpo diventano acidi nel momento in cui li introduciamo ( carne e latte) ed altri come agrumi che sono ovviamente acidi assumono proprieta’ alcaline una volta ingerite.

Importanza della visita medica

Queste appena elencato sono da considerarsi sia regole generali di benessere che una cura naturale al problema di bruciori di stomaco. Tuttavia consideriamo che anche per percorrere la via naturale, é necesario affidarsi ad un bravo specialista, che puo’ essere un naturopata o un consulente di nutrizione olistica che possa accompagnarvi in questo percorso di guarigione e benessere.

Nel caso in cui preferiate affidarvi alle cure tradizionali della medicina allopatica, e’ sempre indispensabile rivolgervi al vostro medico curante, che effettuera la visita opportuna e assegnerá la cura che considera appropriata in base alla sua analisi. Spesso i sintomi non sono considerati sufficienti per diagnosticare l’origine del bruciore e vengono prescritte le seguenti analisi;

  • Radiografia,
  • pHmetria
  • Manometría esofagea.
  • In ogni caso é sempre buona prassi seguire i consigli sopra citati nella sezione rimedi naturali sui comportamenti da evitare e da prediligere.

 

 

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend