Artrosi del polso: caratteristiche e trattamenti

da Redazione Iunoy,

Milioni di persone, in Italia, soffrono infatti di artrosi del polso.

L’artrosi è una malattia che può colpire tutte le articolazioni del nostro corpo. Le statistiche hanno dimostrato che le articolazioni che hanno più probabilità di essere colpite da questo problema sono le ginocchia e le anche, ma anche le mani e i polsi sono soggetti a questo problema.

Che cos’è l’artrosi del polso?

L’artrosi del polso è uno specifico tipo di artrosi che colpisce, per l’appunto, i polsi.

È una malattia di tipo degenerativo, ovvero è destinata inevitabilmente a peggiorare, che interessa principalmente le articolazioni e viene causata dall’indebolimento progressivo, fino alla scomparsa, della cartilagine presente tra le ossa delle varie articolazioni.

La cartilagine ha lo scopo di minimizzare l’attrito tra le due ossa rendendo impossibile muoversi senza provare dolore.

Con l’indebolimento dello strato di cartilagine le sue ossa si sfregheranno producendo inevitabilmente attrito con la conseguenza di rendere estremamente doloroso il movimento e compromettere notevolmente la qualità di vita del paziente.

Le articolazioni sono la parte del corpo più colpita dall’artrosi e l’artrosi del polso è una delle piu’ comuni.  Altre parti del corpo che vengono artrosi del polso-caratteristiche

maggiormente colpite dall’artrosi sono l’anca e il piede.

Il polso umano ha una struttura anatomica complessa con un’alta percentuale di cartilagine, che permette di effettuare tutti i movimenti delle nostre mani.

È quindi palese che l’artrosi del polsi limiti notevolmente l’uso delle mani, rendendo molto difficile svolgere ogni tipo di attività manuale e rendendo ogni movimento estremamente doloroso.

Solitamente questo problema colpisce le donne che hanno svolto lavori manuali o che hanno sforzato notevolmente il polso, ma anche gli uomini ne sono affetti, specialmente quelli che hanno svolto lavori usuranti e sollevato carichi eccessivi in condizioni di non sicurezza per molto tempo.

Leggi anche:   L'alimentazione corretta può prevenire e curare le infiammazioni

Le cause dell’artrosi del polso

L’artrosi del polso può essere di due tipi che si distinguono per i motivi che l’hanno scatenata:

Artrosi al polso di tipo primario

L’artrosi al polso di tipo primario é dovuta a malattie congenite e a malformazioni genetiche. Statisticamente non è molto diffusa.

Artrosi del polso di tipo secondario

L’artrosi al polso di tipo secondario è causata da moltissimi fattori che sono:

  • La conseguenza di alcuni traumi
  • La conseguenza di alcune fratture del polso che non sono state curate o recuperate perfettamenteartrosi del polso
  • Il risultato di interventi chirurgici che non hanno ottenuto il risultato sperato
  • Infiammazioni o problemi legati al tunnel carpale
  • Conseguenza di alcune patologie come la sindrome di Kienbock o la frattura di Colles

Esistono alcuni fattori che possono favorire l’insorgere dell’artrosi del polso e che sono:

  • L’età. La maggior parte delle persone anziane soffre di artrosi alle articolazioni. Non è possibile rallentare l’invecchiamento ma solo prevenire l’artrosi con esercizi mirati e uno stile di vita sano e attivo. Nonostante la stragrande maggioranza delle persone che soffrono di artrosi siano persone over 70 non è raro incontrare pazienti di 30/40 anni che soffrono di artrosi a causa di malattie genetiche o circostanze particolari come fratture o traumi.
  • Alcuni traumi possono portare all’artrosi del polso, specialmente se non sono recuperati a dovere. Il trauma principale che può portare all’artrosi del polso è la rottura del polso a seguito di un trauma violento, come per esempio una brutta caduta.
  • Le persone che svolgono attività di ginnastica artistica sottopongono le mani e i polsi a moltissimo stress e rischiano di piegare le articolazioni in posizioni innaturali come conseguenza di traumi o di cadute. Lo stress che devono subire le articolazioni le rende molto più deboli e favorisce l’artrosi del polso.
  • Lavorare o vivere in ambienti umidi favorisce l’insorgere di diverse patologie, come i reumatismi e l’artrosi.

Quali sono i sintomi dell’artrosi del polso?

I sintomi di questo disturbo sono pressappoco gli stessi di tutte le altre varianti di artrosi:

  • un forte dolore di tipo progressivo, destinato a durare sempre di più con il peggioramento della condizione
  • rigidità alle mani con la conseguente difficoltà nello svolgere tutte le attività quotidiane di tipo manuale
  • le mani tenderanno a gonfiarsi e ad arrossarsi

Curare l’artrosi

Per prima cosa è necessario precisare che attualmente non esiste una cura efficace contro l’artrosi.

Tutte le terapie attualmente in uso hanno solamente due obiettivi:

  1. Combattere il dolore in modo da renderlo sopportabile.
  2. Rallentare il più possibile il peggioramento della malattia, rafforzando la cartilagine presente.

La prima cosa da fare è quella di rivolgersi ad un ortopedico non appena si notano i sintomi elencati. Attraverso delle radiografie il medico avrà un quadro preciso della condizione dell’artrosi nel polso del paziente e potrà iniziare a pianificare una terapia.

Nei casi di artrosi parziale non in stadio avanzato il medico può prescrivere degli antidolorifici e degli anti infiammatori per combattere il dolore e consiglia l’utilizzo di appositi tutori che hanno lo scopo di immobilizzare l’arto il più possibile, impedendo movimenti che potrebbero solamente peggiorare la situazione.

Nei casi di artrosi del polso ormai in stato avanzato sarà necessario un intervento chirurgico chiamato artrodesi del polso, un intervento che avrà lo scopo di irrigidire il polso rimuovendo il dolore.

Assieme a queste terapie farmacologiche la persona che soffre di artrosi deve assolutamente effettuare dei cambiamenti nel suo stile di vita per evitare che il problema di artrosi del polso peggiori.

La prima cosa da fare è non sollecitare in alcun modo la parte dolente, l’unica cosa che si otterrà sarà solamente dolore e un peggioramento del problema.

Per fare questo è necessario limitare al massimo o eliminare del tutto una serie di attività manuali, come:

  • Cucire: il movimento stressa notevolmente il polso e la mano.
  • Lavori di giardinaggio.
  • Spostare carichi pesanti: lo stress che subirà il polso sarà notevole e il rischio di fratture è altissimo.
  • Se la persona che soffre di artrosi del polso è un operaio deve assolutamente evitare di usare strumenti a vibrazione come dei martelli pneumatici o dei trapani a meno che non siano dei trapani a colonna.
  • Impastare in cucina dato che è una attività che richiede forza e “gioco di polso”.

In ogni caso la cosa più importante da fare è riposarsi e non sottoporre il polso a degli ulteriori stress per non peggiorare ulteriormente la situazione.

iscriviti alla nostra newsletter, e' gratis!

Siamo piu' di 21000 iscritti, cosa aspetti?

Grazie! riceverai un messaggio per confermare la tua iscrizione, controlla la tua email.

Qualcosa non va, controlla i tuoi dati

Potrebbe interessarti anche:

Autore

Attraverso la pubblicazione di articoli, guide ed interviste, vogliamo renderti partecipe di tutto ciò che serve per vivere al meglio e in salute!
Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Send this to a friend